Maggio è un mese che ha un dolce sapore per tutte le madri. Come ogni anno, la seconda domenica del mese, si festeggia la festa della mamma, una ricorrenza molto speciale dedicata alla figura più importante di ognuno di noi: la nostra mamma, celebrata sia da grandi e piccini con fiori, regali e tanti abbracci.

La festa della mamma è una ricorrenza diffusa in tutto il mondo che ha origini molto antiche. La storia delle celebrazioni trova radici già negli antichi greci che dedicarono il giorno alla dea Rea, madre di tutti gli dei, mentre i romani dedicavano un’intera settimana alla divinità Cibele, venerata come Magna Mater, simbolo della natura e di tutte le madri.

Inizialmente si trattava di una festa che commemorava le divinità femminili legate alla terra e alla sua ritrovata fertilità. È, invece, in epoca moderna che comincia ad assumere un significato diverso.

Grazie al duro lavoro di due donne, Julia Ward e Anna Jarvis, la festa della mamma oggi si festeggia in 46 paesi diversi. La data però non è la stessa in tutti i paesi del mondo, ognuno ha deciso in maniera arbitraria quando festeggiarla. Ciò che accomuna tutte le culture è il desiderio di celebrare la figura della madre, la maternità e il suo importante ruolo nella società.

Le prime testimonianze moderne della festa della mamma risalgono al 1872 negli Stati Uniti quando Julia Ward, un’attivista scrittrice e poetessa, avrebbe voluto istituire un giorno dedicato alle mamme come giorno dedicato alla pace. Ma si dovette aspettare fino al 1914 perché la sua richiesta fosse esaudita. Fu Ana Jarvis a lanciare una petizione. Desiderosa di ricordare l’anniversario della morte della madre chiese alla sua parrocchia di poter celebrare la festa della mamma la seconda domenica di maggio, fino a che, proprio nel 1914, l’allora presidente americano Wilson ufficializzò la festa come festa nazionale.

In Italia si è dovuto aspettare fino alla metà del XX secolo. Inizialmente, è nata per scopo puramente commerciale. Proposta da Raul Zaccari, sindaco di Bordighera, che in collaborazione con il presidente dell’Ente Fiera del Fiore istituì la festa nel suo paese.

Solo l’anno successivo, nel 1957, don Otello Migliosi, un sacerdote di un borgo vicino Assisi, ebbe l’idea di celebrare la figura della mamma per il suo forte valore religioso e non solo biologico e sociale.

Per i primi 50 anni la festa della mamma in Italia è stata festeggiata sempre l’8 di maggio. Da 2000, invece, come succede già in altri paesi del mondo, si festeggia la seconda domenica del mese di maggio.

Nell’occasione, i bambini sono soliti preparare dei lavoretti per la festa della mamma o comprare un fiore per omaggiare la propria mamma.