L’influenza è una comune malattia infettiva che vive il suo momento di massimo sviluppo nei mesi invernali, da dicembre in poi, quando il freddo è più intenso e continuativo. In questo periodo i neonati e i bambini fino a 6 anni sono i soggetti potenzialmente più a rischio poiché il loro sistema immunitario si deve ancora irrobustire.

I genitori non devono farsi prendere dal panico perché si tratta essenzialmente di risposte positive di difesa da parte dell’organismo all’infezione. L’importante è capire quando l’influenza sta arrivando e quali sono i sintomi che normalmente la contraddistinguono.

I sintomi compaiono all’improvviso in tutti noi, grandi e piccini. Il virus influenzale è in circolo nel nostro organismo già a partire dal giorno prima della comparsa dei sintomi, quando il bambino comincia a manifestare inappetenza, un’eccessiva lacrimazione, occhietti arrossati e una carnagione più pallida del solito.

Durante la fase iniziale è frequente che l’influenza sia “annunciata” anche da altri sintomi come il naso chiuso, naso che gocciola, gola infiammata che può anche portare ad un aumento della temperatura corporea.

A queste evidenze fisiche si associano poi tutta una serie di malesseri del neonato che comincia a comportarsi in maniera inusuale: scarsa reattività agli stimoli esterni, difficoltà a svegliarsi dopo la nanna o stato di inquietudine causato, tra le altre cose, anche dal battito cardiaco accelerato e l’aumento repentino della temperatura corporea.

In genere anche una scarsa idratazione è sintomo della presenza del virus influenzale. Per capire se il piccolo è disidratato è necessario controllare le mucose di occhi e bocca e il peso corporeo, oltre a ispezionare il pannolino: se ci sono scarse tracce di urina probabilmente si è in presenza di disidratazione.

Riconoscere i sintomi influenzali è il primo passo per prendere precauzioni e seguire un corretto iter per la guarigione, ma, cari genitori, non preoccupatevi, consultate il vostro pediatra che sarà in grado di suggerirvi la miglior cura per il vostro piccolo.

Altri consigli

Leggi tutti i consigli