Redazionali

Moda e stile

I primi viaggiatori occidentali, che viaggiavano in Persia, Turchia, India o Cina, osservavano spesso l’assenza di cambiamenti nella moda nei rispettivi luoghi. Il segretario dello Shogun giapponese si vantò (non completamente esattamente) con un visitatore spagnolo nel 1609 che l’abbigliamento giapponese non era cambiato in più di mille anni.Tuttavia, ci sono prove considerevoli nella Cina Ming del rapido cambiamento della moda nell’abbigliamento cinese. I cambi di costume avvenivano spesso in periodi di mutamenti economici o sociali, come avveniva nell’antica Roma e nel Califfato medievale, seguiti da un lungo periodo senza grandi cambiamenti. Nella Spagna moresca dell’VIII secolo, il musicista Ziryab introdusse a Córdoba sofisticati stili di abbigliamento basati sulle mode stagionali e quotidiane della sua nativa Baghdad, modificati dalla sua ispirazione.

Cambiamenti simili nella moda si sono verificati nell’XI secolo in Medio Oriente in seguito all’arrivo dei turchi, che hanno introdotto stili di abbigliamento dall’Asia centrale e dall’Estremo Oriente. L’inizio in Europa di un cambiamento continuo e sempre più rapido negli stili di abbigliamento può essere datato in modo abbastanza affidabile. Gli storici, tra cui James Laver e Fernand Braudel, datano l’inizio della moda occidentale nell’abbigliamento alla metà del XIV secolo, anche se va notato che tendono a fare molto affidamento sulle immagini contemporanee e i manoscritti miniati non erano comuni prima del XIV secolo. Il cambiamento precoce più drammatico nella moda è stato un improvviso e drastico accorciamento e irrigidimento del soprabito maschile dalla lunghezza del polpaccio a coprire a malapena i glutei, a volte accompagnato da imbottitura nel petto per farlo sembrare più grande. Questo ha creato il caratteristico profilo occidentale di un top sartoriale indossato su leggings o pantaloni. Il ritmo del cambiamento ha subito un’accelerazione considerevole nel secolo successivo e la moda femminile e maschile, soprattutto nel vestire e nell’adornare i capelli, è diventata altrettanto complessa.

Gli storici dell’arte sono quindi in grado di utilizzare la moda con sicurezza e precisione per datare le immagini, spesso entro cinque anni, in particolare nel caso di immagini del XV secolo. Inizialmente, i cambiamenti nella moda portarono a una frammentazione tra le classi superiori d’Europa di quello che in precedenza era stato uno stile di abbigliamento molto simile e al successivo sviluppo di stili nazionali distintivi. Questi stili nazionali rimasero molto diversi fino a quando un contro-movimento nel XVII e XVIII secolo impose ancora una volta stili simili, per lo più originari dell’Ancien Régime Francia. Sebbene i ricchi di solito guidassero la moda, la crescente ricchezza della prima Europa moderna portò la borghesia e persino i contadini a seguire le tendenze a distanza, ma ancora scomodamente vicini per le élite – un fattore che Fernand Braudel considera uno dei principali motori del cambiamento della moda .

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *