Redazionali

Perché la moda vintage sarà sempre popolare

La moda retrò ha visto una forte rinascita negli ultimi due decenni, a partire dallo stile grunge nei primi anni novanta. I gruppi rock della classe operaia fuori città come Seattle hanno contribuito a lanciare articoli di ritorno al passato nei negozi dell’usato sotto i riflettori nazionali. La moda è iniziata come risultato diretto delle difficoltà economiche e degli atteggiamenti disinvolti nel movimento della cultura pop.

Alla fine degli anni ’90, la moda dei negozi dell’usato aveva acquisito una rappresentazione eclettica ma popolare nella generazione X demografica. Negli ultimi dieci anni, molte di queste scelte di stile a basso budget sono diventate l’obiettivo degli stilisti di alta moda quando il vintage si è spostato da Main Street e sulla Fifth Avenue.

La moda vintage diventa mainstream

Molti stilisti tradizionali sono diventati retrò all’inizio del secolo, riportando i look classici come i pantaloni di velluto a coste degli anni Settanta. Anche il look denim a zampa d’elefante reso popolare durante l’era hippie si è fatto strada nei grandi magazzini tradizionali.

Oggi, l’abbigliamento vintage è associato a look classici e unici che hanno resistito alla prova del tempo. Un numero crescente di catene nazionali sono specializzate in abbigliamento riciclato. Questi negozi funzionano come negozi dell’usato ma sono altamente selettivi. Invece di seguire il modello parsimonioso della rivendita di abiti donati, i negozi di abbigliamento vintage e riciclato pagano commissioni considerevoli per articoli unici che catturano un pezzo esotico o nostalgico della storia della moda.

Un designer iconico che dimostra il valore del vintage è Yves Saint Laurent. Lo stilista ha realizzato cappelli di paglia per oltre $ 5.000 a pezzo alla casa d’aste Christie’s. Un mini abito Mondrian degli anni Sessanta di Laurent vende per oltre $ 10.000.

Perché gli stili vintage saranno sempre in giro

Al di fuori dell’alta moda, lo stile del negozio dell’usato conserva la forte popolarità che ha trovato negli anni ’90. Ci sono alcuni motivi per cui questa tendenza della moda potrebbe non svanire mai:

  • L’abbigliamento riciclato è ecologico o “verde” che è chic di per sé.
  • L’esperienza di cacciare oggetti rari e di valore sugli scaffali degli sconti ha una sensazione di caccia al tesoro che rimane eccitante.
  • Anche la linea di fondo è sempre un problema. L’abbigliamento vintage è spesso più conveniente dell’abbigliamento da grande magazzino.
  • C’è una “scena” per la caccia al negozio dell’usato e per gli intenditori del vintage. Esiste un intero movimento di social networking, gruppi online, blog e altri collettivi dedicati alla cultura della moda vintage.

Cosa c’è di nuovo nel vintage?

Uno dei cambiamenti predominanti nella scena della moda vintage negli ultimi dieci anni è l’integrazione di vecchio e nuovo. Molti stili vintage sono usati per esagerare i pezzi moderni. Ad esempio, grandi occhiali da sole e classiche giacche a vento che spuntano nei moderni video musicali e spettacoli hip hop.

L’abbigliamento vintage di oggi include tutto ciò che ha due o più decenni. Il genere risale agli anni ’20, prima dei quali l’abbigliamento è considerato antico. Con quasi un secolo di design tra cui scegliere, le possibilità sono infinite.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *